Piazza Tre Martiri

Una delle piazze piu` belle di Rimini e` senza dubbio Piazza tre Martiri, sita sul foro romano di Ariminium, che nella sua storia e` stato palcoscenico di feste, tornei e migliaia di eventi e oggi giorno e` ”obbligatoria” la passeggiata per i turisti di Rimini.
La sua denominazione e` presa dal fatto che tre partigiani vennero impiccati in questa piazza nel 1944 a causa della Resistenza che opponevano per la liberazione della provincia di Rimini.I tre giovani,Mario Capelli, Luigi Nicolo` e Adelio Pagliarani, vennero catturati dai nazifascisti nella loro sede operativa, imprigionati e torturati.
Dopo essere stati processati da un trinbunale tedesco e accusati di ammassamento clandestino di armi a fine terroristico, vennero impiccati il 16 agosto in questa piazza che fino al 9 ottobre 1944 era chiamata ”Giulio Cesare”.
A loro dedicata, oltre che alla piazza, una targa sul muro dell`edificio di fronte e una lapide che ricorda la base partigiana posta sulla facciata della vecchia caserma in Via Ducale.
Oltre alle lastre di pietra dell`antico foro, visibili ancora oggi, in piazza tre Martiri si possono ammirare altri importanti monumenti. Ad est la torre dell`Orologio costruita nel 1547 da Francesco Buonamici; vicino la torre il Palazzo Brioli (osservarorio geologico in passato); a ovest e` sito Palazzo Tingoli (costruzione settecentesca);a sud invece il piccolo tempio dedicato a Sant`Antonio da Padova perche` li compi il miracolo della mula e ancora una statua dedicata a Giulio Cesare perche` pare li abbia parlato ai soldati dopo aver passato Rubicone).

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Hai bisogno di informazioni? Vuoi un preventivo? Scrivici!

Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003 per il trattamento di dati personali degli utenti del sito. Vai all'informativa sulla privacy

Powered by Riweblogin w

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.