Tempio Malatestiano

Fu Sigismondo Pandolfo Malatesta che ordinò i lavori per la trasformazione dell’antica chiesa romanico – gotica di S. Francesco in un monumento e i lavori iniziarono ne 1450.
La parte esterna è opera di Leon Battista Alberti e presenta una facciata ispirata all’arco trionfale romano.
Tutta la costruzione è adagiata su un alto basamento in pietra d’Istria è incorniciato da cordoni tratti dalla base dell’Arco d’Augusto e decorato con uno fregio a basso rilievo formato da ghirlande legate con il fiore di Isotta.
Queste ghirlande contengono quattro tipi di scudi malatestiani: l’elefante, la “I” e la “S” intrecciate, la doppia fascia a scacchi e il fiore di Isotta.
Ai fianchi sono presenti sette arcate divise da pilastri: in quelle a destra ci sono i sarcofagi di personaggi della corte malatestiana, invece in quelle a sinistra sono vuote.
Il rinnovamento che è stato fatto all’interno è stato effettuato da Matteo de’ Pasti ed è in contrasto con lo stile architettonico dell’esterno.
L’interno del Tempio è costituito da arcate a sesto acuto presenta delle decorazioni vivaci ed è composto da sei cappelle laterali che sono chiuse con transenne di marmo.
Una di queste molto importante è la “Cappella dei Pianeti” chiamata così per le raffigurazioni dei pianeti e dei segni zodiacali.
C’è anche “La Cappella degli antenati” che contiene l’opera di grande valore artistico di Agostino di Duccio: “L’Arca degli antenati e dei discendenti” dove Sigismondo desiderava che fossero riunite le spoglie dei suoi antenati e dei posteri discendenti dalla casata.
Altre raffigurazioni si possono ammirare nelle “Cappella di S.Michele” conosciuta come quella degli angeli musicanti .
In questa struttura è possibile ammirare il crocifisso di Giotto; un affresco che raffigura Sigismondo in ginocchio ai piedi di San Sigismondo.
Nel 1460 quando Sigismondo non ebbe le possibilità economiche dovette interrompere la costruzione del Tempio; così la struttura rimase senza copertura che invece nel progetto di Alberti era a forma di cupola.
È curioso il nome con cui è conosciuto, tempio: per la classicità dell’architettura, malatestiano: perché su tutto domina sovrano Sigismondo Pandolfo Malatesta, Signore di Rimini.
Di fronte al Tempio è stato collocato il sarcofago del patrono della città, “L’Arca di San Gaudenzo”.
Vicino la Cattedrale è possibile visitare il museo “TESORI DELLA CATTREDALE” dove sono esposti paramenti sacri, apparati liturgici, calici, dipinti codici miniati, ecc.
Il 29 Settembre 2002 la Cattedrale è stata assurta a Basilica minore.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

A pochi passi dal mare

In spiaggia in 30 secondi
Indicazioni
  1. 10 min dalla stazione
  2. 10 min dall'uscita da Rimini Sud
  3. 50 mt dalla fermata del metromare
  4. 5 min dalle Befane Shopping Center
  5. 5 min da benzinaio con Gpl e Metano
  6. 10 min dal centro storico
Servizi vicino all'Hotel
  1. Bancomat
  2. Poste Italiane
  3. Tabacchi
  4. Fermata Flixbus
  5. Stazione di ricarica per veicoli elettrici
Slider

Richiedi un preventivo senza impegno

Ho preso visione della privacy policy ed acconsento al trattamento dei dati.

Desidero iscrivermi alla newsletter e ricevere offerte personalizzate
Powered by Riweblogin w